Aperitivo

Tuttosipuò, nato da una idea di Alessandro Italiano

A Milano “Tuttosipuò”, dove scegliere, degustare, condividere

E’ambizioso già dal nome: Tuttosipuò, scegliere, degustare, condividere. Ha inaugurato il 4 marzo, nel cuore di Milano, in via Gaetano Negri (fermata Cordusio MM2) questo locale aperto dalle 7 del mattino alle otto di sera. Un bar diurno che oltre a offrire colazioni, pranzi, merende e aperitivi, propone un servizio di take away quotidiano per soddisfare tutti i gusti e richieste.

Un’idea di Alessandro Italiano, 48 anni, nato a Mesagne (BR), che dopo la scuola alberghiera si trasferisce subito a Londra, dove lavora in alcuni degli hotel più importanti come il Thisle Hotel e il Marriot. Dopo tre anni anglosassoni e una volta acquisita la lingua inglese torna in Italia per lavorare al Grand Hotel Palazzo della Fonte di Fiuggi come chef de rang. In seguito trascorre otto anni a Roma per poi rilanciarsi in un progetto internazionale in direzione Cina per tre anni. Torna in Italia e lavora come Group director al Principe di Savoia di Milano e poi al The Dedical Anthology. Un anno fa, nel 2018, decide che è arrivato il momento di avventurarsi in un’attività tutta sua e inizia a studiare appunto il progetto “Tuttosipuò”, dove dedicarsi, come imparato negli anni grazie alle esperienze nazionali e internazionali, totalmente ai suoi clienti.

Perché questo nome? “Perché si mangia bene, semplicemente e generosamente a tutte le ore ed è possibile ordinare quello che si vuole da portare via per il giorno successivo – risponde -. Perché oltre alla cucina di grande qualità, TuttoSiPuò reinventa il concetto del bar per flâneurs: una metà golosa, gentile e accogliente dove puoi fermarti quando vuoi e quanto vuoi per un drink, un tè, per sfogliare libri e giornali, per goderti una delle mostre d’arte fotografiche ospitate dal locale. Perché ogni giorno è possibile ordinare quello che si vuole per il giorno successivo: si chiama e il preventivo arriva un’ora dopo”.

E vediamo cosa riservano le varie fasi della giornata. Partiamo dalla colazione. Che comprende una vasta scelta di croissant, yogurt e latte freschi della Parmalat, thé e tisane, e macedonie di frutta fresca. Dalle 9 in poi inoltre è possibile su richiesta avere l’assortimento salato: panini, focacce, toast farciti per tutti i gusti, con salumi pregiati, tutto preparato al momento.

A pranzo il menu cambia ogni giorno, in base alle stagioni e a quello che lo chef Luigi Incrocci trova al mercato. Ogni giorno sono almeno cinque le proposte: due primi, due secondi e una zuppa tra carne, pesce e verdure. Le ricette attingono alla tradizione di tutte le regioni italiane, da quella toscana di cui è originario Luigi, a quella lombarda: dalla pasta al pomodoro, all’amatriciana o all’arrabbiata, la zuppa pavese fino al ragù toscano e la pappa al pomodoro, o i piatti di pesce come il nasello alla livornese con ceci, baccalà con i cuori glassati e la zuppa di mare.

La carta dei vini. Ogni mese ci sono in carta 12 vini diversi, i grandi classici italiani provenienti da cantine di tutte le regioni. Tutti i giorni poi, tre etichette sono disponibili in calice: un rosso, un bianco e una bollicina.

Il pomeriggio dopo le 15 o per la pausa caffè sono in lista torte e dolci oltre alla selezione di thé: torta margherita, ciambellone, torta paradiso, paste.

Il Bar. Dal vino alla birra artigianale del Birrificio Milano, fino a una drink list composta di grandi classici che rappresentano l’aperitivo tradizionale milanese e italiano: Spritz Aperol, Spritz Campari, Negroni, Bollicine, Vino rosso e bianco, Gin Tonic.

L’aperitivo. Deve essere davvero la “ciliegina” di una giornata, con la possibilità di gustare in formato finger le proposte del pranzo: un assaggio di parmigiana, una quiche alle verdure, una pasta e fagioli, un po’ di pappa al pomodoro, la mitica acqua cotta (verdure, pane e uovo, le insalatone).

L’arte e la lettura. Ogni due mesi TuttoSiPuò accoglie una mostra fotografica diversa oltre a reading e presentazioni di libri. L’angolo del Book crossing aspetta i libri da condividere e lasciare ai prossimi amici.

Ora in mostra è Bianco Rosso Food By Davide Dutto. Per mezzo dei colori le immagini racconteranno il mondo delle materie prime, l’italianità e tutto quello che è il lavoro dell’uomo per procurarsi il cibo, che non è mai soltanto composto di materia prima, ma è molto di più.

Il prezzo medio è tra i 12 a 14 euro a piatto, inclusi acqua e caffè. Aperitivo 10 euro con drink e buffet finger food dalle 17.00 alle 20.00. Panini e focacce farciti 6 euro.

TuttoSiPuò si trova in via Gaetano Negri 4, Milano ed è aperto dalle 7.00 alle 20.00 da lunedì a venerdì, www.tuttosipuo.it , tel. 02. 47703576.

  • Articoli Recenti
Autore, Giornalista Freelance
Alessandro Luongo è nato a Taranto il 12 luglio 1962. Si laurea in Filosofia con orientamento psicologico alla Statale di Milano, dove inizia a tracciare la sua teoria del “pensiero motorio”. Lavora come giornalista per i principali gruppi editoriali nazionali (Rizzoli, Mondadori), scrive in particolare per il Corriere della Sera e vanta un’esperienza come autore televisivo in due produzione Rai2, di cui una realizzata in Arizona, nel 2006. E’ single, ma spera di trovare l’anima gemella con Coppiaperfetta.it.
follow me

Testo libero

Commenti